RedBull World Series 2017: Irlanda – riparte il circuito dei cliff diver!

6 tappe tra Europa e Americhe, si inizia venerdì a Inis Mór

inis mor cliff diving 2017

Serpent’s Lair, sull’isoletta di Inis Mór (Irlanda), sarà la location inaugurale delle RedBull Cliff Diving World Series 2017, che prenderanno il via questo weekend.

Ripartirà dunque la caccia al britannico Gary Hunt, campione 2016, da parte dei suoi principali avversari, mentre la donna da battere sarà Rhiannan Iffland, talentuosa australiana capace di vincere le World Series dello scorso anno da esordiente assoluta.

Il panorama mozzafiato delle scogliere celtiche di Inis Mór, a picco sull’oceano, contrasta con lo specchio d’acqua in cui i cliff diver dovranno tuffarsi. Si tratta di una piscina naturale di acqua salata, erosa dal mare, di forma quasi rettangolare e profonda dai 5 ai 9 metri appena. Essendo collegata all’oceano con tunnel sottomarini, il livello dell’acqua non è costante e varierà con il proseguire della gara!

Il cast maschile è già stato in Irlanda nel 2012 e nel 2014, mentre le donne faranno il loro esordio in questa location; Inis Mór è considerata una delle tappe più difficili delle World Series, quindi sarà un battesimo di fuoco!

A fare gli onori in qualità di nuovo sport director sarà Greg Louganis; da quest’anno è lui il “direttore” di questo circuito sportivo, in sostituzione di Niki Stajkovic, morto lo scorso febbraio.

14 tuffatori, tra cui l’italiano Alessandro De Rose, lotteranno per la vittoria dalla piattaforma da 27 metri, 8 tuffatrici per quella da 21 metri; sarà la prima di sei emozionanti tappe in giro tra Europa, Nord America e Sud America per tutta l’estate!

Per saperne di più sulla disciplina del cliff diving, puoi leggere la nostra guida ai tuffi dalle grandi altezze, aggiornata con le ultime novità dal regolamento di quest’anno!

Il cast dei permanent diver per il 2017 prevede una sola variazione rispetto allo scorso anno. Ci saranno il pluricampione britannico e detentore dei titoli FINA e RedBull Gary Hunt e il suo connazionale Blake Aldridge; i messicani Jonathan Paredes e Sergio Guzman; gli americani David Colturi, Steven LoBue Andy Jones; il colombiano Orlando Duque; il ceco Michal Navratil; e la new entry tra i tuffatori qualificati, il polacco Kris Kolanus. Quest’ultimo fa il suo ritorno nel cast fisso dopo due stagioni tra le wild card.

Di tappa in tappa, saranno scelti fino a quattro tra i dieci tuffatori presenti tra le wild card: Alain Kohl (Lussemburgo), Alessandro De Rose (Italia), Artem Silchenko (Russia), Igor Semashko (Russia), Jucelino Junior (Brasile), Kyle Mitrione (USA), Miguel Garcia (Colombia), Todor Spasov (Bulgaria), Viktar Maslouski (Bielorussia) e Owen Weymouth (Gran Bretagna).

Una sola novità anche per il cast femminile fisso, che conta sei tra le migliori tuffatrici dello scorso anno. Ci sarà l’australiana Rhiannan Iffland, vincitrice delle World Series 2016 da debuttante assoluta, e la connazionale Helena Merten; le americane Cesilie Carlton Ginger Huber; la messicana Adriana Jimenez (detentrice della Coppa del Mondo FINA 2017); e la canadese Lysanne Richard.

Gara dopo gara, alle sei permanent diver si aggiungeranno fino a due wild card tra: Anna Bader (Germania), Jacqueline Valente (Brasile), Tara Hyer-Tira (USA), Yana Nestsiarava (Bielorussia) e le esordienti Jessica Macaulay (Regno Unito), Eleanor Townsend-Smart (USA) e Meili Carpenter (USA). Non ci sarà l’americana Rachelle Simpson, atleta tra le più titolate, che dopo una stagione difficile per gli infortuni patiti si prenderà una pausa.

 

PROGRAMMA GARE (ora italiana)

Venerdì 23 giugno
11:30 Round 1 femminile, a seguire Round 2 maschile
12:00 Round 2 femminile, a seguire Round 2 maschile
(aggiornamento del 23 giugno: gare riprogrammate per il pomeriggio a causa del forte vento)

Sabato 24 giugno
12:00 Round 3 femminile, a seguire Round 3 maschile
13:00 Inizio trasmissione in diretta RedBull TV
13:05 Round 4 femminile, a seguire Round 4 maschile
13:45 Termine trasmissione in diretta RedBull TV

 

La trasmissione delle gare è garantita per il Round 4 del sabato, che sarà trasmesso tramite le app di RedBull TV, disponibili per qualsiasi tipo di dispositivo mobile e per le principali console, e sul sito ufficiale delle World Series. La replica verrà resa disponibile qualche minuto dopo l’evento.

Foto: Romina Amato/Red Bull Content Pool

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*