RedBull World Series: Bosnia – vittorie Carlton-Hunt, De Rose quinto!

Nella quinta e penultima tappa delle RedBull Cliff Diving World Series in Bosnia-Erzegovina, a Mostar, in una giornata segnata da molti infortuni ed errori trionfano la statunitense Cesilie Carlton e il britannico Gary Hunt; ottimo risultato per Alessandro De Rose che conclude al quinto posto e ad una tappa dalla fine rafforza le speranze di conquistare un posto da titolare nel 2018!

 

Come di consueto, nella giornata di venerdì (ieri) si sono tenuti i primi due round, che hanno permesso ai tuffatori di accumulare i primi punti. Il polacco Kris Kolanus è andato in testa alla classifica dopo due tuffi, sopravanzando il messicano Paredes, lo statunitense e campione del mondo LoBue e il nostro Alessandro De Rose, ottimo quarto a fine giornata. In difficoltà alcuni “pezzi grossi” come Aldridge, Duque e Colturi, mentre Andy Jones si è praticamente auto-eliminato per aver collezionato uno zero al secondo tuffo: ha eseguito un avvitamento in più (e quindi un tuffo più difficile!) rispetto a quanto dichiarato sul modulo di gara, e così i giudici lo hanno penalizzato!

CLASSIFICA MASCHILE – ROUND 1+2
1 – Kris Kolanus (POL) – 171.00
2 – Jonathan Paredes (MEX) – 166.80
3 – Steven LoBue (USA) – 166.00
4 – Alessandro De Rose (wildcard) (ITA) – 161.80
5 – Michal Navratil (CZE) – 160.80
6 – Gary Hunt (GBR) – 158.80
7 – Sergio Guzman (MEX) – 151.90
8 – Miguel Garcia (wildcard) (COL) – 149.20
9 – Oleksiy Prygorov (wildcard) (UKR) – 146.60
10 – Nikita Fedotov (wildcard) (RUS) – 142.80
11 – Blake Aldridge (GBR) – 140.40
12 – Orlando Duque (COL) – 136.40
13 – David Colturi (USA) – 126.20
14 – Andy Jones (USA) – 68.60

 

Con la campionessa in carica Rhiannan Iffland messa fuori gioco da un infortunio al ginocchio in fase di riscaldamento, sono rimaste in sette, e solo in quattro “titolari”: la canadese Richard, medaglia d’argento lo scorso anno e vincitrice proprio qui a Mostar, ha a sua volta saltato tutta la stagione 2017 per problemi alle vertebre cervicali.
A guidare la classifica del venerdì è stata la messicana Adriana Jimenez, la favorita viste le assenze e anche la candidata più seria a scalzare la Iffland dalla vetta della classifica generale. L’americana Carlton non ha però mollato la presa, distante solo 3 punti e mezzo, mentre sono rimaste più staccate l’altra australiana Merten e la tedesca Bader.

CLASSIFICA FEMMINILE – ROUND 1+2
1 – Adriana Jimenez (MEX) – 155.90
2 – Cesilie Carlton (USA) – 152.50
3 – Helena Merten (AUS) – 143.00
4 – Anna Bader (wildcard) (GER) – 141.00
5 – Ginger Huber (USA) – 136.70
6 – Yana Nestsiarava (wildcard) (BLR) – 124.40
7 – Eleanor Townsend Smart (wildcard) (USA) – 114.40

 

La giornata di sabato si è aperta con il terzo round femminile, che ha visto i sorpassi proprio di Cesilie Carlton (ai danni di Jimenez) e di Anna Bader (ai danni di Merten). Si è ritirata invece Eleanor Townsend, anche lei per problemi fisici, lasciando solo sei atlete in finale.

CLASSIFICA FEMMINILE – ROUND 3
1 – Cesilie Carlton (USA) – 221.40
2 – Adriana Jimenez (MEX) – 217.00
3 – Anna Bader (wildcard) (GER) – 211.20
4 – Helena Merten (AUS) – 209.30
5 – Ginger Huber (USA) – 187.40
6 – Yana Nestsiarava (wildcard) (BLR) – 179.00
7 – Eleanor Townsend Smart (wildcard) (USA) – 114.40

 

Il terzo tuffo maschile ha invece sancito l’eliminazione – clamorosa – dei “big” in difficoltà: ultimo posto per Andy Jones, penultimo (per la seconda tappa consecutiva) Orlando Duque, undicesimo David Colturi e decimo il leader di classifica Blake Aldridge. Sesto posto per Alessandro De Rose che quindi ha centrato di nuovo la finale a otto: voti tra il 7 e il 7.5 per il suo tuffo dalla verticale.

CLASSIFICA MASCHILE – ROUND 3
1 – Steven LoBue (USA) – 285.85
2 – Michal Navratil (CZE) – 285.35
3 – Gary Hunt (GBR) – 281.30
4 – Kris Kolanus (POL) – 273.60
5 – Jonathan Paredes (MEX) – 269.30
6 – Alessandro De Rose (wildcard) (ITA) – 265.20
7 – Sergio Guzman (MEX) – 261.55
8 – Nikita Fedotov (wildcard) (RUS) – 258.00
9 – Miguel Garcia (wildcard) (COL) – 254.80
10 – Blake Aldridge (GBR) – 234.70
11 – David Colturi (USA) – 232.00
12 – Oleksiy Prygorov (wildcard) (UKR) – 222.50
13 – Orlando Duque (COL) – 205.40
14 – Andy Jones (USA) – 179.00

 

Il round finale femminile ha visto due protagoniste: Cesilie Carlton ha difeso la sua prima posizione dall’assalto di Helena Merten per soli due punti! L’australiana ha sopravanzato sia la tedesca Bader sia la messicana Jimenez, soltanto quarta; un bel favore alla connazionale Iffland, che mantiene la testa della classifica generale!

CLASSIFICA FEMMINILE – FINALE
1 – Cesilie Carlton (USA) – 316.40
2 – Helena Merten (AUS) – 314.30
3 – Anna Bader (wildcard) (GER) – 280.50
4 – Adriana Jimenez (MEX) – 275.50
5 – Ginger Huber (USA) – 267.20
6 – Yana Nestsiarava (wildcard) (BLR) – 247.25
7 – Eleanor Townsend Smart (wildcard) (USA) – 114.40

 

La finale maschile, molto incerta, si è aperta con l’errore in apertura di Sergio Guzman, che ha lasciato col fiato sospeso per qualche secondo il numerosissimo pubblico accorso allo Stari Most; per fortuna solo un grande spavento, anche se si dovranno valutare le sue condizioni fisiche nelle prossime ore. La vittoria è andata a Gary Hunt, che con un “supertuffo” finale da 119.60 punti torna a vincere dopo alcune tappe “in ombra” e si ripropone per la corona di campione 2017; grande impresa del russo Nikita Fedotov, esordiente quest’anno, che si classifica al terzo posto dietro Steve LoBue con un tuffo finale da 118 punti!

CLASSIFICA MASCHILE – FINALE
1 – Gary Hunt (GBR) – 400.90
2 – Steven LoBue (USA) – 393.85
3 – Nikita Fedotov (wildcard) (RUS) – 376.25
4 – Kris Kolanus (POL) – 376.10
5 – Alessandro De Rose (wildcard) (ITA) – 364.10
6 – Jonathan Paredes (MEX) – 363.30
7 – Michal Navratil (CZE) – 356.30
8 – Sergio Guzman (MEX) – 268.30
9 – Miguel Garcia (wildcard) (COL) – 254.80
10 – Blake Aldridge (GBR) – 234.70
11 – David Colturi (USA) – 232.00
12 – Oleksiy Prygorov (wildcard) (UKR) – 222.50
13 – Orlando Duque (COL) – 205.40
14 – Andy Jones (USA) – 179.00

 

La finalissima delle World Series 2017 si terrà in Cile, nella località di Lago Ranco, il 21 ottobre. TuffiBlog vi darà ovviamente tutte le indicazioni, con una serie speciale che riassumerà questa splendida stagione dalle grandi altezze e le grandi speranze azzurre per il 2018!

Foto: Dean Treml/Red Bull Content Pool

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*