NewSplash: campione “B” positivo, Ng Yan Yee rischia due anni!

Con la conferma della positività alla sibutramina anche nel campione “B”, utilizzato dall’Agenzia Mondiale per l’Antidoping (WADA) per le controanalisi in caso di possibile doping, è stato ufficialmente annunciato che è “Wendy” Ng Yan Yee l’atleta malese ad aver assunto un medicinale non consentito.

A confermarlo è ancora una volta il New Straits Times, autorevole quotidiano malese, che ha raccolto le dichiarazioni del segretario onorario della Federazione della Malaysia, Mae Chen. TuffiBlog aveva correttamente anticipato, sulla base degli articoli pubblicati dal New Straits Times, il nome dell’atleta coinvolta.

“Abbiamo ricevuto la conferma della controanalisi nella mattina del 26 ottobre e l’atleta in questione è Wendy,” ha dichiarato Chen. “I risultati del test saranno inviati alla FINA, e il destino dell’atleta sarà deciso dopo l’udienza di rito. Non ci sarà nessuna conseguenza sul Grand Prix,” (che è iniziato proprio oggi, ndr) “in quanto l’atleta non è stata convocata.”

Il commissario tecnico della Malaysia Yang Zhuliang si è detto “addolorato” per la positività della sua atleta e per la squalifica che certamente fronteggerà. “Non ho molto da dire, non ho idea di cosa sia successo, Wendy mi ha detto di non aver preso niente che non le fosse stato prescritto e di non sapere come abbiano trovato la sibutramina nel suo sistema circolatorio. Ci saranno delle conseguenze sui miei progetti per lei nel prossimo futuro, purtroppo, è un’atleta su cui contavo molto.”

La sibutramina non è uno stimolante ma un soppressore dell’appetito, che si può trovare in molti integratori per la perdita di peso. Per questo motivo la squalifica massima è di due anni (e non quattro), anche se nell’udienza e in presenza di prove l’atleta potrà provare ad appellarsi a una squalifica di minore durata. Nel peggiore dei casi, quindi, l’atleta sarà squalificata fino all’inizio della stagione olimpica 2019-2020 e potrà ancora provare a qualificarsi ai Giochi.

A prescindere dalla squalifica e da eventuali conseguenze degli sponsor (Ng è testimonial della marca di abbigliamento sportivo Adidas), cambieranno due podi dei recenti Giochi del Sud-est Asiatico, e la Malaysia non potrà più sfoggiare il suo filotto di 13 medaglie d’oro su 13.

Se nella gara da 3 metri, la nuova medaglia d’oro è la malese Nur Dhabitah Sabri, con Tan Yi Xuan (Singapore) promossa all’argento e Eka Purnamah Indah (Indonesia) al bronzo, nella gara sincro da 3 metri, la medaglia d’oro andrà alla coppia di Singapore, quella d’argento all’Indonesia e quella di bronzo al Vietnam. Sarà la prima medaglia d’oro per Singapore dal 1973.

Fonte foto: Adidas

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*