NewSplash: problemi per i Campionati Master 2018?

Durante l’edizione 2017 dei Campionati Mondiali Master di Tuffi, che si sono tenuti a Budapest questa estate, la LEN ha annunciato la sede dei Campionati Europei del 2018: si svolgeranno a Jesenice, in Slovenia, dal 5 all’ 8 settembre.

Situata vicino al lago di Bled, e a pochi chilometri da Lubiana, la location sembra veramente bellissima, almeno per quanto concerne l’aspetto turistico. Sono infatti sorte numerose perplessità per quanto riguarda l’impianto in cui verranno ospitate le gare: una piscina in cui non si svolgono corsi o lezioni, ma dedicata solo ad attività ricreative, carente quindi da tutti i punti di vista agonistici.

Grunde Vergard, membro del comitato master LEN e FINA, ha ricevuto una lettera di protesta firmata da numerosi atleti master di tutta Europa e dopo aver approfondito la questione ha dichiarato che, allo stato attuale delle cose, “sarebbe impossibile lo svolgimento delle gare di tuffi”.

Nella lettera viene fatto notare:

  1. la presenza di un solo trampolino da 1 metro ed uno solo da 3 metri.
  2. l’impossibilità di effettuare gare in contemporanea.
  3. l’assenza di un rappresentante degli atleti master nel comitato organizzativo, che è quindi del tutto all’oscuro delle dinamiche organizzative e delle problematiche da tenere sotto controllo.
  4. la richiesta di un’assicurazione da parte della LEN che vengano installati almeno un altro trampolino da 1 metro e un altro da 3 metri.
  5. la necessità, se non fosse possibile apportare le dovute migliorie alla piscina, di cambiare sede ai Campionati, spostandoli nella stessa location degli Europei agonistici, che si terranno a Glasgow, restando in linea con l’attuale policy LEN.
  6. la volontà di capire come mai i Campionati Master non si siano organizzati direttamente nella stessa sede di quelli agonistici.
  7. la richiesta di voler includere anche le gare dei tuffi sincro, sincro misto e team event, attualmente assenti dal programma delle gare.

Ad oggi questa lettera non ha ricevuto nessuna risposta e nell’ambiente master europeo cresce il malcontento.

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*